Unnikked - Esperienze personali in campo informatico

GistBox e Astral – due applicazioni web per GitHub

Sebbene non effettui molti push nell’arco di una giornata utilizzo molto assiduamente GitHub, per seguire sviluppatori, progetti o leggere codice per scoprire come un determinato problema venga risolto dalla comunità.

Ho apprezzato in particolar modo il sistema di starring e il servizio Gist. Girovagando per la rete ho trovato due particolari applicazioni web che aiutano a gestire al meglio queste due caratteristiche di GitHub.

GistBox

GistBox permette di catalogare e gestire in modo più organizzato e semplice i Gist caricati sul proprio account GitHub.

  • Collaborazione in team – permette di condividere snippet di codice fra gruppi

gistbox-team-group

  • Tag colorati – è possibile assegnare colori ai singoli tag per raffinare il modo in cui si catagola

gistbox-tag

  • Ricerce e filtri<p align=”center> gistbox-search</p>

  • Editor di codice per svariati linguaggi con supporto alla colorazione di sintassi

gistbox-editor

  • Scorciatoie da tastiera per aumentare la produttività

gistbox-shortcut

  • Vista file a scomparsa

gistbox-file

Dispone anche di un estensione web clipper per Chrome che consente di catturare e importare velocemente pezzi di codice o testo trovati sul web.

Astral

Ogni repository su Github può essere messa tra i preferiti cliccando sulla icona a forma di stella “star”.

Tuttavia la gestione delle star non è tra le più comode a mio parere, dopo svariate ricerche ho trovato Astral, una applicazione web che permette di gestire in modo facile ed intuitivo le star di GitHub.

Tra le caratteristiche principali troviamo:

  • Tag – permette di assegnare una o più etichetta ad ogni repository

astral-tags

  • Ricerca e filtri – è possibile cercare le repository tramite keywork e filtrare il risultato attraverso l’uso dei tag

astral-search

  • Leggimi – i file di README sono automaticamente mostrati per consultare in modo facile e veloce la presentazione della repository.

astral-readme

Caratteristiche che ho trovato molto utile è quella di attivare l’autotag delle repository in modo tale da avere già le repository etichettate in base al linguaggio usato.

astral-settings

Conclusioni

Sebbene siano app semplici e non indispensabili sono comunque un esempio di come le API di un servizio possano essere sfruttare per aggiungere valore alla piattaforma.

Personalmente apprezzo sempre queste tipologie di applicazioni di nicchia ben curate nella loro semplicità e funzionalità.